Typefaces between 1900s and 1950s - Caratteri razionalisti e modernisti - Alberto Tallone Editore

TYPEFACES BETWEEN 1900s AND 1950s

Sans-serif letterforms, despite being already in use in the 19th century, came back to the forefront at the end of the 1920s, as a reaction to Art Nouveau. Besides Futura by Paul Renner (1928), there are many famous examples for this style, both European and North-American. As for the contribution of Italy in this respect, it began with Semplicità (Nebiolo, 1928), and went on to include masterpieces such as Neon, Triennale, Resolut, Quirinus and Hastile, widely used in advertising.

© Photos Ottavio Atti - Archive of Styles®


CARATTERI RAZIONALISTI E MODERNISTI

I caratteri lineari (senza grazie), nonostante fossero già presenti nell'Ottocento (all’epoca erano definiti “grotteschi” o “etruschi”), ebbero un grande rilancio alla fine degli anni Venti del Novecento, quale reazione allo stile floreale. Oltre al carattere Futura di Paul Renner (1928), sono moltissimi i caratteri di successo in questo stile, creati sia in Europa sia in Nord America. Anche in quest'ambito, l'Italia diede un contributo di grande valore, iniziando col carattere Semplicità (Nebiolo, 1928) e proseguendo con capolavori tra i quali spiccano il Neon, il Triennale, il Resolut, il Quirinus, l'Hastile, usati largamente in campo pubblicitario.

© Photos Ottavio Atti – Archivio degli Stili®